Poems

La figlia delle cavallette

Cavallette, cielo oscurato,
terra flagellata. Una madre
si affanna sul letto. 
Un tetro mese settembre,
mancano verde e verdure!
 
«Ileleleleleleleleleleleleleil...!
Ileleleleleleleleleleleleleil...!
Ileleleleleleleleleleleleleil...!»
 
Appena arrivata al mondo
cominciò col suo pianto!
 
Liberata dalla sofferenza,
si cominciò la ricerca del latte
bussando le varie porte.
 
Bestiame stecchito e senza latte,
come calmare l'ospite?
Come dissetare la partoriente?
Se non fossero clementi le caprette!
 
In quel momento desolato
divorò il latte appena munto
e riprese il suo pianto.
 
«La buffa piange ancora?!»
 
«Sì quella bozzai,
come se mancassero altri guai!».
«Povera cocca mia...sboccia
al caos e alla carestia!»

Share this poem

view comments

Comments (0)

No comments yet - be the first:

Leave a comment